La sede

La Baracca

Il 27 ottobre del 1994 il Gruppo alpini di Dello inoltrò domanda per ottenere un prefabbricato, utilizzato nell’emergenza del terremoto del 1976, indirizzandola al Sindaco di Buja, ing. Aldo Calligaro.

Il 12 febbraio del 1995 venne sottoscritto l’impegno di rimozione della baracca entro il 31 marzo dal nostro vice capo gruppo Ferrari Roberto.
Il documento venne convalidato sia dal Sindaco di Buja che dall’arciprete Aldo Bressani della Parrocchia di San Lorenzo in Buja ( Udine).
Nel contempo l’Amministrazione comunale di Dello ci assegnava un’area su cui poter edificare.

Dopo circa 20 anni dal terremoto che colpì il Friuli, si stava concretizzando per noi il sogno di una sede per il nostro Gruppo, dopo aver girovagato per tanto tempo da un’osteria all’altra del paese.

Venne fatto a Buja un sopralluogo alla baracca, da subito ci impressionò la sua dimensione, infatti durante la ricostruzione veniva utilizzata per le celebrazioni religiose.

Ecco perché la Casa degli Alpini di Dello non è una comune baracca di legno ma bensì è la memoria “viva”, in particolare per la comunità di Buja, di quel tragico evento che nessun Friulano vorrà ne potrà mai dimenticare.